Cat claw_closeup

Curare le unghie del gatto

Cat claw_closeupUn gatto senza unghie significherebbe, probabilmente, guai seri per lui. Eppure tocca pure prendersi un po’ cura delle sue unghie, in particolare per il micio abituato a rimanere in casa. Le sue piccole, ma appuntite, armi possono suscitare, infatti, grattacapi non di poco conto…

Per prima cosa bisognerebbe prendere un tronco lima-unghie per gatti. Di cosa si tratta, per l’esattezza? Sono dei particolari pali ricoperti dai più svariati materiali, solitamente non molto ingombranti. Il loro obiettivo è quello di evitare che il caro felino rovini l’arredamento di casa. I gatti, infatti, affilano le loro unghie in modo istintivo. Il tronchetto può proprio attirare l’attenzione dell’animale, stimolandone la curiosità. Ma se tutto ciò non dovesse servire? A questo punto non rimane che limare o accorciare le unghie del micio. Ci sono le apposite lima-unghie, oppure dei tronchesini pre-formati, in modo da arrotondare un poco gli artigli.

Una cosa, tuttavia, è sicura, le unghie sono essenziali al gatto. Con le unghie, infatti, si difendono, danno la caccia ad altri animali, scavano piccole buche e provvedono pure alla loro igiene personale quotidiana. In ogni caso, chiedere al veterinario consigli, non è mai una brutta cosa da fare.

Noi possiamo rimetterci un po’ l’arredamento di casa, mentre loro la natura essenziale dell’essere gatto…  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *